Solange Cid de Díaz

Solange Cid de Díaz

BE YOURSELF…finding your personal perfection

La mia seconda vita?

È cominciata il giorno in cui ho capito davvero di averne una sola.

Dopo aver studiato contabilità ero diventata responsabile acquisti di un centro commerciale. Era un buon lavoro, e, nel tempo libero, mi dedicavo alla mia vera passione: cucinare.
Credevo di avere raggiunto il giusto equilibrio tra doveri e piaceri. Un equilibrio apparentemente perfetto.
Fino ad un giorno di pioggia scrosciante in cui ogni priorità è cambiata.
Guidavo come ogni mattina per andare al lavoro. Sul sedile accanto al mio c’era l’immancabile borsa con gli abiti da chef che avrei indossato la sera, ad uno dei tanti corsi di cucina che riempivano di entusiasmo le mie giornate.

C’è chi dice che, nel momento in cui rischi di morire, il tempo rallenti e ti scorra davanti tutto ciò che hai vissuto. Per me, invece, quel momento è stato molto meno cinematografico. È stato un attimo e ha coinciso con una coscienza immediata, lucida, scura.
Ho pensato: “È finita.”
Poi mi sono ritrovata in mezzo alle lamiere
Non ricordo l’impatto, e nemmeno la dinamica precisa: so solo che mi sembrava incredibile essere rimasta illesa dopo un incidente del genere.

Quando ho riabbracciato mio marito e i miei figli, è stato come nascere per la seconda volta, con la consapevolezza che la vita è un regalo prezioso da non dare mai per scontato.
A quel punto sono cambiate tutte le mie prospettive.
Fino a quel momento avevo fatto il lavoro per cui avevo studiato.

Ma perché non studiare per trasformare in professione ciò che amavo?
Il seguito della storia può sembrare pieno di duro lavoro: un susseguirsi di corsi di pasticceria e arte culinaria sia nel mio paese che all’estero, montagne di libri con ricette che rielaboro continuamente per renderle davvero mie, una divisa da chef che è ormai la mia seconda pelle.
Per me sono tutti meravigliosi regali che arricchiscono la nuova vita che mi è stata concessa.

Una vita che voglio onorare tenendo a mente che il futuro non è garantito, che il presente merita tutte le mie migliori energie, e che la mia perfezione non sta in un equilibrio tra piaceri e doveri, ma in una passione da seguire con tutta me stessa.

 

Related Posts